Maggioranze bulgare






Da sempre, la religione Cattolica annovera il maggior numero di fedeli nel nostro Paese. Piú recentemente, si é andato affermando il "Berlusconi NO", un culto che (seppur minacciato dai recenti sviluppi) vanta milioni di fedeli in tutta Italia ed é particolarmente diffuso tra i nostri concittadini espatriati. Sebbene per una serie di ragioni mi sia sempre considerato un eretico, devo ammettere a malincuore che tra questi fedeli ci sono anch'io.

I buoni Cristiani vanno a messa ogni domenica, a cominciare dal nostro attuale Primo Ministro. Noi fedeli del nuovo culto ci sediamo di fronte a oggetti rettangolari ogni giovedí, per tre stagioni all'anno, ascoltiamo le prediche di Santoro e riceviamo la comunione da Travaglio.


Ettantonabbravapersona...


Galvanizzato dai ben due commenti ricevuti negli ultimi giorni (probabilmente opera di parenti e amici) ho deciso di scrivere un nuovo post sulla beatificazione degli innocenti (o presunti tali), a mio avviso una delle piú fastidiose conseguenze sociali dei 17 anni di Berlusconi. In questi giorni fioriscono ovunque analisi dei retroscena, degli intenti e degli scenari futuri relativi al governo appena formato. Mi é piaciuto molto il commento di Odifreddi, che solitamente annovero nella lista di personaggi che non digerisco (vi spiegheró il perché prossimamente) ma che in quanto a furore anticlericale non é secondo a nessuno. Non mi sembra il caso di aggiungere molto altro, se non che mi appare ogni giorno piú chiaro come avesse ragione Joe lo straniero nel mio post precedente.


L'intervento é riuscito ma...


Avviso ai navigatori: questo post é stato scritto con la Annunziata che intervista DJ Alfano in sottofondo. E ha appena annunciato una sua striscia quotidiana. Di mezz'ora, of course. Minchia. 

Stamattina mi sono sentito molto a disagio. Per approssimativamente 30 secondi. Mi trovavo d'accordo con Ferruccio de Bortoli, poi per fortuna ha consigliato a Monti di non fare una patrimoniale. Meno male. Scalfari ci ha spiegato che il governo é caduto per merito del PD, sprizzando ottimismo da tutti i pori. Beato lui che ci crede. Bello Gomez, invece, mi aiuta a introdurre quello che penso. 


L'arte del comando



Ho letto un bell'articolo di George Monbiot sul Guardian in cui si parla delle presunte abilitá gestionali dei top-manager e dell'1% piú ricco della popolazione in generale. L'articolo comincia prendendo spunto dal lavoro di Daniel Kahneman, premio Nobel per l'Economia nel 2002. In due parole, Kahneman sostiene che il successo (apparente) dei top-manager sia solo un'illusione cognitiva (piccolo inciso: due interessanti articoli di Matteo Motterlini su Kahneman qui e qui). Traduco Monbiot:

Per esempio, (Kahneman) ha studiato i risultati ottenuti da venticinque consulenti finanziari, nel corso di 8 anni. Ha trovato che la regolaritá delle loro prestazioni era pari a zero. "I risultati assomigliavano a quello che uno si aspetterebbe da una partita a dadi, non da un gioco di abilitá." Coloro i quali hanno ricevuto i bonus piú alti erano solo stati fortunati. 


Not so fast...

Lo scorso 22 settembre il team transnazionale OPERA (Oscillation Project with Emulsion-Tracking Apparatus) pubblica su arXiv i risultati di un esperimento che ha misurato la velocitá di un fascio di neutrini tra il CERN di Ginevra e i laboratori del Gran Sasso. Secondo gli studiosi, i neutrini avrebbero raggiunto il detector del Gran Sasso 60 nanosecondi in anticipo rispetto al previsto, superando la velocitá della luce. Se confermati, questi risultati avrebbero un profondo impatto sulla Fisica moderna, in quanto metterebbero in discussione la teoria della relativitá formulata da Einstein.

Tutto chiaro, no?


Il nuovo avanzo


Eh giá, la Leopolda. Non intendo impelagarmi in un'analisi politica sui valori del giovane Matteo, vi rimando all'eccellente post di Pasquale Videtta. No, io voglio soffermarmi sulla strategia di comunicazione del nostro eroe, da cui secondo me si evincono alcune cose sullo stato del Paese. Incominciamo col promo, un video che sará apparso molto simpatico ai piú, una frenetica carrellata che dai Dinosauri arriva ai giovani (sempre giovani) riformisti odierni sulle note di una movimentata canzone. Eccolo qui, per chi se lo fosse perso.


Primo!

Eccomi. Alla fine ho ceduto. Ho deciso di farmi sedurre dalla possibilitá di condividere con il mondo intero le mie riflessioni sui piú disparati argomenti, al posto di rompere sistematicamente le palle a tutti quelli che mi conoscono con le mie impressioni su quello che vedo o leggo.

Sono poco concentrato nella preparazione di questo primo post perché mentre scrivo ho in sottofondo streaming Gad Lerner che estorce ai suoi illustri ospiti del PD inquietanti concetti. 

"La Democrazia Cristiana era anche una cosa seria."
"Io alle primarie voterei Chiamparino."